In una taverna di porto, un signore…

By | 29 aprile 2013

In una taverna di porto, un signore incontra un marinaio di quelli veri, tosti: gamba di legno, benda nera all’occhio, uncino al posto della mano, wow! Il signore gli chiede: "Accidenti, come ha fatto per perdere la gamba ?". E il marinaio: "In una tempesta ero sulla coffa quando l’albero si è rotto ed è caduto in mare, uno squalo è arrivato e mi ha morso alla gamba, sono riuscito ad ucciderlo con il coltello ma la bocca restava chiusa, allora mi sono dovuto tagliare la gamba per non affogare". "Accidenti… e l’uncino?". "Durante un abbordaggio violentissimo, un pirata si è avvicinato e mi ha scaricato la pistola contro, non mi ha preso e allora abbiamo combattuto con la sciabola, sciabolata su sciabolata, stavo per avere la meglio quando è arrivato un secondo pirata a tradimento e mi ha tagliato la mano". ooohhh. "E la benda sull’occhio?". "Oh la benda ? è stata una cacca di gabbiano". Il signore rimane sorpreso: "Come? Una cacca di gabbiano ?!?". "Sì, era il mio primo giorno con l’uncino".